La Giornata D al Nuraghe Losa

Archeologia al femminile cucita con un filo d’arte.

La D significa Donna.
Dal 2013, al Nuraghe Losa, dedichiamo una giornata alle Donne per ricordare le loro conquiste sociali, politiche ed economiche, ma anche le discriminazioni e le violenze cui sono ancora oggetto in molte parti del mondo.
La visita al monumento, nella Giornata D si focalizza sulla femminilità e per l’occasione le nostre guide lasciano la parola agli studiosi scelti e all’arte.
Il sito viene abbracciato da un filo rosso che guida la giornata attraverso il percorso tracciato.
Un filo rosso che abbraccia idealmente il mondo femminile.
Il percorso archeologico e artistico parte dal nostro albero-totem.
L’albero-totem è un albero di ulivo che abbiamo piantato anni fa e che non è sopravvissuto.
Le radici sono rimaste salde e abbiamo deciso di farlo vivere in modo diverso, vestendolo di abiti nuovi a seconda dell’occasione.
Dall’albero-totem, di solito, parte il filo rosso che abbraccia tutto il percorso.
Il percorso della Giornata D è sempre segnato da un impatto visivo artistico significativo. Il filo rosso parte dall’albero -totem e arriva fino al cuore del Nuraghe dove, generalmente si trova l’installazione artistica più importante: c’è la sofferenza, ma la rinascita è esplosiva!
Il colore prevalente è il rosso: sangue e vita; violenza, morte e poi rinascita. Il rosso, che è il primo colore dell’arcobaleno, il primo colore percepito dai bambini, il primo a cui tutti i popoli hanno dato un nome. È il colore del cuore e dell’amore, del dinamismo e della vitalità, della passione e della sensualità, dell’autorità e della fierezza, della forza e della sicurezza, della fiducia nelle proprie forze e capacità. E’ il colore del fuoco, del sangue, degli slanci vitali e dell’azione. Il rosso è il colore che può muoversi più rapidamente trattenendo legato a sé lo sguardo.
Un altro elemento ricorrente nella Giornata D sono le scarpe rosse da donna
Zapatos Rojos , scarpe rosse, è un’ installazione dell’artista Elina Chauvet composta da centinaia di paia di scarpe rosse da donna “per puntare il dito contro l’omertà per la scomparsa e l’uccisione di centinaia di donne a Ciudad Juárez e per dire basta alla violenza di genere. Ogni paio di scarpe rappresenta una donna e la traccia di una violenza subita e tutte le scarpe disposte ordinatamente diventano una marcia di donne assenti, un corteo doloroso”. Trovate informazioni più dettagliate sull’installazione artistica su zapatosrojosartepublico.wordpress.com/about-2/che_cos_e_zapatos_rojos
L’evento ha ogni anno un tema trainante: nelle diverse edizioni abbiamo parlato di Donne, archeologia e… Bronzi, Acqua, Dio, Mirto, Cibo, Viaggio.
Quante altre esperienze avremo ancora in serbo per voi?
La Giornata D al Nuraghe Losa si svolge nel mese di marzo.